Home > Senza categoria > Affittato un utero da una donna inglese per impiantarvi un clone

Affittato un utero da una donna inglese per impiantarvi un clone

18 Gennaio 2004

L’andrologo americano Panayiotis Zavos ha affermato, ieri, a Londra di avere impiantato, due settimane fa, nell’utero di una donna ‘portatrice’ di 35 anni, il primo embrione umano clonato.

L’esperimento, ha aggiunto, ha solo il 30% di possibilità di riuscita.

Il procedimento utilizzato sulla donna è lo stesso che ha portato la povera pecora Dolly a nascere. Nel marzo 2003 è stata uccisa, sei anni dopo la sua nascita, perchè affetta da malattia polmonare incurabile, in seguito all’invecchiamento prematuro e ai problemi sorti con la clonazione.

Nonostante questo, nonostante la proibizione della Sanità britannica di effettuare clonazioni su esseri umani, il nuovo dr. Mengele, Zavos, se ne è fregato ed ha clonato un embrione nel ventre di una “portatrice”.

Immagino che la donna abbia bisogno di denaro, unico motivo, forse, valido a spiegare come possa, fisicamente e psicologicamente, accettare di diventare una “cavia” e sottoporsi a tale pratica devastante.

Lo Zavos, è uno squallido servo della medicina del capitale, un medico fallito visto che per “vivere” pratica abitualmente la vivisezione di animali, con crudeltà e senza scrupoli.

E anche delinquente: si serve del corpo di una donna, come cavia, impiantandole un clone e non sa nemmeno come andrà a finire! Un meschino servo della medicina del capitale, con un potere enorme, visto che nonostante le proibizioni del governo inglese, se ne frega, e fa quello che vuole pur di guadagnare!

Se cominciamo, noi donne, a prendere coscienza di cosa è veramente la medicina del capitale e dell’uso che si fa quotidianamente, a scopo di profitto, del nostro corpo, la nostra liberazione farà un passo avanti.
———————————————————————
Riferimenti: Il corpo è nostro

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , ,
I commenti sono chiusi.